DETTAGLIO QUALIFICAZIONE



Codice Repertorio24-001
DenominazioneAiuto regista
DescrizioneL'Aiuto regista, considerato il braccio destro del regista, coadiuva e accompagna quest’ultimo in tutte le fasi di lavoro che caratterizzano le produzioni cinematografiche e televisive. Il suo ruolo comprende aspetti organizzativi, artistici e tecnici; studia la sceneggiatura, ne effettua lo spoglio, partecipa ai sopralluoghi per individuare le location, generalmente organizza il casting dei figuranti e delle partecipazioni speciali e ne realizza i provini. Partecipa alla stesura del piano delle riprese. Prepara i fogli di servizio giornalieri, si occupa di comunicare per tempo ai collaboratori le informazioni sulle tappe successive o le eventuali variazioni al piano di lavoro. Durante le riprese organizza e coordina il lavoro di tutti i membri della équipe tecnica, degli attori e delle comparse. Deve ricordare e annotare ogni particolare delle scene girate o registrate giornalmente, in modo da riproporre la stessa scena con attori, costumi e scenografie quando questa verrà ripresa in un altro momento.
SituazioneL'Aiuto regista lavora generalmente per produzioni cinematografiche, televisive o teatrali, e può trovare occasioni di lavoro anche nel settore pubblicitario e nella moda. Gli ambienti di lavoro classici sono i teatri di posa, i set esterni e gli studi televisivi. Rappresenta il legame essenziale tra il regista e la produzione. In fase di pre-produzione esplicita le esigenze e i bisogni del regista in termini artistici e suggerisce le soluzioni al direttore di produzione. Durante le riprese si incarica di far rispettare gli accordi e le condizioni concordate con la produzione. Il suo ruolo lo porta quindi ad entrare in contatto con tutto il personale coinvolto nella realizzazione dell’opera, dal regista naturalmente, ai capi dei vari settori della troupe: scenografo, direttore della fotografia, costumista, arredatore. L’organizzazione tecnica artistica della regia, così come le riprese stesse, implicano orari di lavoro irregolari, spostamenti frequenti e la possibilità di lunghe trasferte anche all’estero. I ritmi di lavoro sono dunque variabili ma intensi, alternati a periodi di stasi anche prolungati tra una produzione e l’altra. L'orario di lavoro è quello della troupe, per la fase operativa, ma si amplia di molto nella parte creativa che si sviluppa prima, durante e dopo le riprese. La tipologia di contratto la collaborazione professionale per le produzioni cinematografiche, mentre nelle emittenti pubbliche o private può avere contratti di lavoro dipendente.
Prerequisiti
Percorsi formativiIl percorso ottimale prevede che un aiuto regista riceva la necessaria formazione in una scuola specializzata: in Italia ne esistono di vari livelli (corsi, istituti, accademie) e in alcune occorre superare delle selezioni per essere ammessi. L’aiuto regista debutta generalmente come assistente alla regia e dopo tempi di solito abbastanza lunghi (occorre infatti aver partecipato a numerosi lungometraggi) può diventare aiuto regista. Generalmente è il regista stesso che sceglie il proprio aiuto, come l’aiuto regista sceglie il suo assistente. La fama di un aiuto regista si costruisce non solo dal numero di film a cui ha partecipato, ma soprattutto dall’esperienza acquisita al fianco di registi rinomati. Utile la conoscenza della lingua inglese.
Codice CP20112.5.5.2.1
Denominazione CP2011Registi
Codice Ateco 0759
Denominazione ateco 07ATTIVITÀ DI PRODUZIONE CINEMATOGRAFICA, DI VIDEO E DI PROGRAMMI TELEVISIVI, DI REGISTRAZIONI MUSICAL
LIVELLO EQF5