DETTAGLIO QUALIFICAZIONE



Codice Repertorio21-018
DenominazioneMusicoterapista
DescrizioneIl Musicoterapista è un professionista dotato di competenze musicali e musicologiche alle quali si aggiungono competenze nell’ambito della psicologia e della riabilitazione. Egli interviene in particolare in quei contesti clinici connotati da un deficit delle competenze relazionali e comunicative e/o da una carente integrazione intrapsichica ed interpsichica del soggetto. L’intervento musicoterapico poggia la sua plausibilità scientifica sulle competenze innate di tipo sonoro/musicale proprie della specie umana. Tali competenze sono atte a sviluppare i primi contatti interpersonali ed a veicolare la prima comunicazione interpersonale e sono attive anche in contesti clinici non evoluti o regrediti e permettono l’accesso interpersonale in situazioni di isolamento e/o di disregolazione emotiva.
SituazioneIl Musicoterapista opera all’interno di una équipe di lavoro ed il suo intervento si integra con quello degli altri addetti alla riabilitazione ed è soggetto alla direzione di un responsabile clinico del progetto (medico o psicologo). E’ quindi equiparabile da un punto vista professionale ad un terapista della riabilitazione poiché il suo intervento ha come obiettivo la riabilitazione delle competenze espressive, comunicative, relazionali, ed una migliore regolazione delle emozioni. I contesti clinici in cui il musicoterapista si trova ad operare possono essere centri pubblici o privati convenzionati, specializzati nel trattamento di patologie psichiatriche e neurologiche dell’età evolutiva, dell’adulto e della terza età. Ambiti clinici di particolare specificità sono quelli relativi all’autismo infantile, alle psicosi dell’età adulta e ai quadri psico-organici della terza età.
PrerequisitiL’approccio musicoterapico, che vanta una storica tradizione al’estero (Nord America, Regno Unito, Paesi Scandinavi, Germania, Francia, Argentina), è stato promosso in Italia a partire dagli anni ’70 grazie all’impegno della Pro Civitate Christiana di Assisi, promotrice nel 1981 del primo corso di formazione. Da allora, pur in assenza di stabili percorsi formativi accademici (a parte l’esperienza formativa promossa dal Conservatorio dell’Aquila e dal Conservatorio di Verona) ed in mancanza di un pieno riconoscimento giuridico della figura professionale, si è sviluppato un intenso movimento associativo che ha portato alla nascita di due associazioni a carattere nazionale: la Confiam, che riunisce le scuole e le associazioni operanti sul territorio; e l’Aiemme che raccoglie i musicoterapisti.
Percorsi formativiI corsi di musicoterapista si rivolgono a soggetti che provengono dall’ambito socio-sanitario (educatori, infermieri, medici, psicologi) ed hanno una competenza musicale anche amatoriale ed a soggetti che viceversa possono vantare una competenza musicale professionale (diploma di strumento). I gruppi in formazione sono quindi composti da una popolazione eterogenea e quest’aspetto è funzionale al percorso formativo proposto che si prefigge, fra i diversi obiettivi, anche la maturazione di competenze relazionali. La disomogeneità relativa ai differenti curricula viene armonizzata con percorsi paralleli. I corsi attualmente presenti sul territorio nazionale si riconoscono nel protocollo Confiam che sancisce un monte ore minimo di 700 ore articolato in un triennio ed una precisa ripartizione delle ore dedicate alle diverse aree formative (medica, psicologica, musicale, musicoterapica). Il percorso formativo si prefigge di sviluppare: una competenza relazionale ed empatica ed una competenza metodologica relativa alla fase di presa in carico e alla fase di intervento. Nell’ambito dell’iter formativo gran parte delle ore sono dedicate a momenti esperienziali. A Genova è attivo dal 1991 un Corso triennale di Musicoterapia promosso dall’Apim ospite presso la Casa della Musica di Genova.
Codice CP20113.2.1.7.0
Denominazione CP2011Tecnici della medicina popolare
Codice Ateco 0788
Denominazione ateco 07ASSISTENZA SOCIALE NON RESIDENZIALE
LIVELLO EQF6