DETTAGLIO QUALIFICAZIONE



Codice Repertorio20-002
DenominazioneInterprete di Lingua dei Segni Italiana
DescrizioneObiettivo dell’interprete di Lingua dei Segni Italiana è quello di rendere paritaria una situazione relativa alla comunicazione in modo che i partecipanti, udenti e sordi, abbiano pari opportunità di accesso alle informazioni in entrata ed in uscita e possano trarre vantaggio dalle medesime risorse. L’Interprete di lingua dei segni si occupa dell’interpretazione dalla lingua dei segni alla lingua vocale e viceversa in tutte le occasioni ove il suo servizio sia richiesto (conversazioni, conferenze, trattative, discorsi, ecc.). È sua competenza la traduzione, l'interpretariato e l'interpretazione in simultanea ed in consecutiva dalla LIS (Lingua dei Segni Italiana) all'italiano e viceversa. Inoltre può interpretare dalla LIS ad una lingua dei segni straniera e viceversa. È inoltre un mediatore linguistico-culturale professionale.
SituazioneL’Interprete di lingua dei segni può operare in diversi settori e situazioni, quali ad esempio: ambito sanitario, pubblico o privato, ambito giudiziario, presso i tribunali, colloqui con avvocati, notai, ecc. ambito turistico, aeroporti, stazioni ferroviarie, accompagnatore turistico in viaggi organizzati, gite, ecc. uffici pubblici, pubbliche amministrazioni, uffici postali, ecc. consulti presso professionisti, avvocati, notai, ingegneri, ecc. riunioni o assemblee sindacali nel luogo di lavoro, assemblee di tipo elettorale, corsi di formazione professionale, lezioni universitarie, convegni, conferenze, workshop, seminari ecc. telegiornali locali e nazionali, spettacoli, teatro, museo, ecc. eventi sportivi, gare, concorsi, ecc. luoghi di culto. In generale ogni qualvolta che una persona udente ha bisogno di comunicare con una persona sorda ed ogni qualvolta che una persona sorda ha bisogno di comunicare con una persona udente. L’attività di Interprete di Lingua dei Segni Italiana implica un lavoro trans-linguistico e trans-culturale molto impegnativo, con la continua messa in gioco del corpo che pertanto deve essere sempre ben visibile ai fruitori sordi; ha il diritto-dovere di lavorare in coppia (o in team) laddove il servizio richiesto superi un’ora di incarico. In casi di conferenza, ambito nel quale si ha un elevato grado di difficoltà, è necessaria la presenza di un Interprete di lingua dei segni esperto che assuma il ruolo di coordinatore interpreti.
PrerequisitiÈ richiesto almeno il diploma di maturità (scuola secondaria di 2° grado) ed un’ottima competenza linguistica in italiano e dopo avere superato un corso LIS di 3° livello ENS (o titolo equipollente), conseguire la qualifica di interprete LIS. È in corso di istituzione a livello territoriale di uno specifico albo degli Interpreti di Lingua dei Segni.
Percorsi formativiIn Regione Liguria sono disponibili corsi di formazione professionale con qualifica post-diploma di interprete LIS, definiti dalla Regione in collaborazione con le Sezioni Provinciali ed il Consiglio Regionale dell’E.N.S. (Ente Nazionale Sordi) che ne cura la progettazione, la selezione per l’accesso ai corsi di qualifica (selezione che mira a valutare le competenze acquisite sia pratiche, sia teoriche, sulla lingua e cultura dei sordi e capacità di comunicazione, di relazione, abilità fino e grosso- motorie, corretto utilizzo della gestualità delle mani, abilità di coordinazione visivo-motorie e di tipo attentivo, attitudini del soggetto, nonché a valutare il grado di motivazione) e si occupa inoltre del tutoraggio del corso e del monitoraggio attraverso tirocini formativi attuati sul campo, possibilmente in affiancamento ad un interprete esperto. Questa figura professionale, peraltro, necessita di una formazione permanente e continua, trattandosi di una professionalità in divenire.
Codice CP20112.5.4.3.0
Denominazione CP2011Interpreti e traduttori di livello elevato
Codice Ateco 0785.59.90
Denominazione ateco 07Altri servizi di istruzione nca
LIVELLO EQF5